Aria Nello Stomaco E Ansia? Se Dopo I Pasti Hai Problemi Di Aria E Crampi Allo Stomaco, Dilatandoti, Prova Origano E Limone.

L’ Aria Nello Stomaco E Ansia sono sintomi di una problematica comune quale l’aerofagia, dovuta anche al cibarsi in modo convulso per via dell’ansia, che può provocare un gonfiore di stomaco cronico e doloroso.

Lo puoi prevenire e curare masticando meglio e usando gli aromi “anti gas” e risolvendo soprattutto l’ansia.

Perché aria nello stomaco e ansia provocano dolore, frequenti eruttazioni e il senso di oppressione al torace? Lo stomaco dilatato dall’aria inconsapevolmente ingerita (aerofagia) durante i pasti è alla base di questi banali ma fastidiosi disturbi.

Dal punto di vista Simbolico, uno stomaco che si riempie di qualcosa che occupa spazio ma non nutre, potrebbe mascherare il bisogno continuamente insoddisfatto, di un nutrimento affettivo. Perché quello disponibile è avvertito come carente, e dunque è sostituito da un’apparenza di cibo (l’aria, appunto), ma del tutto priva di sostanza.

L’aria introdotta, in questo caso, serve allora a salvaguardare lo stomaco sul piano fisico. Causa, però, crampi allo stomaco e alti malesseri comunque debilitanti. Li puoi prevenire regolando la dieta e poi usando estratti verdi e granuli omeopatici.

 

I Cibi Sì E Quelli No Per
Aria Nello Stomaco E Ansia
Innanzitutto Mastica Di Più!

Con poche e semplici attenzioni adatte al caso specifico, il problema andrà subito nella direzione risolutiva.

 

Sì ► Privilegia I Cibi Grezzi

Gli ortaggi croccanti e crudi e il riso invece della pasta Olio d’oliva e pane integrale, sono gli anti aria. Qui la parola d’ordine è masticare bene, con molta calma e a lungo per evitare di inghiottire aria.

Devi preferire il più possibile i cibi solidi, il riso al posto della pasta, l’olio invece del burro, che è consentito solo crudo.

Ti aiutano le spezie e gli aromi forti come timo, serpillo, salvia, rosmarino, peperoncino, cannella, vaniglia, dalle ottime proprietà antibatteriche.

Il pane mangialo senza mollica, integrale, tostato o abbrustolito.

Sì alle verdure crude in pinzimonio preferendo il finocchio, che fa digerire.

 

No ► Evita Lievito E Latticini

Se soffri di aerofagia, le bevande gassate, la birra, i vini frizzanti e i succhi di frutta con zucchero aggiunto, per te sono assolutamente proibiti.

Evita le verdure e i carboidrati ricchi di cellulosa come: legumi, cavoli, cavolini, cavolfiore, rape, cipolle, aglio, porri e carote cotti.

Le patate cuocile e mangiale subito per evitarne la degenerazione.

Meglio evitare sughi, spezzatini, stracotti, brasati e minestroni.

Fanno male latte e latticini, soprattutto formaggi fermentati.

No a salse, maionese, panna montata, frittate, zabaioni, frullati e gelati perché nella lavorazione s’ingloba aria.

Evita la mollica del pane, i dolci lievitati tipo pan di spagna, o molto zuccherati.

Proibita la frutta dopo i pasti, vietato il lievito di birra.

 

L’Aiuto Della Frutta
Succo E Scorza Di limone Placano La Motilità

Aria Nello Stomaco E Ansia

L’uso del succo e della scorza del frutto di limone per combattere gli stati di acidità gastrica e le digestioni lente e difficili è diffusissimo.

Per quanto riguarda l’olio essenziale, è fra i migliori antiacidi naturali ed è utile in caso di aerofagia con bruciori, dolori, digestioni difficili, nausee.

Regola la motilità e la secrezione dello stomaco, ma stimola anche il fegato e il pancreas. Si può impiegare, quindi, in caso di gastrite e quando vi sia ristagno di cibo (sensazione di peso sullo stomaco) dovuto all’atonicità dell’apparato digerente.

L’aroma fresco e vivace del limone è stimolante ed energizzante, e accelera i processi digestivi.

Come puoi fare:

Ti suggerisco di bere una limonata tiepida a fine pasto, preparata con il succo e la scorza di un limone bio.

Se invece preferisci l’olio essenziale per uso alimentare, le dosi sono di 3 gocce al dì in un po’ di miele o di acqua tiepida.

 

L’Aromaterapia
Origano E Finocchio
Contro Le Fermentazioni

Prima di descriverti i benefici degli oli essenziali, ti consiglio di prestare massima attenzione nell’uso degli oli essenziali per uso interno.

La cosa principale a cui devi prestare attenzione è quella di procurarti oli essenziali che siano davvero per uso alimentare e che provengano da produzioni biologiche e biodinamiche.

Ti raccomando, inoltre, di rispettare le dosi e il modo d’uso. Adesso passiamo alla descrizione e alla pratica, continua a leggere …

 

L’olio essenziale di origano

Aumenta i movimenti peristaltici fisiologici di stomaco e intestino, stimola la secrezione di succhi digestivi sia direttamente sia aumentando la salivazione. Per tutto questo controbatte efficacemente le situazioni di pesantezza allo stomaco e di nausea.

Impedisce, inoltre, le fermentazioni intestinali, limitando i gonfiori al ventre, l’aerofagia, le dispepsie nervose.

L’aroma amaro e un po’ aspro sembra indicato a chi abbia bisogni di recuperare le energie fisiche e mentali sprecate.

Come puoi fare:

Bevi 2 gocce di olio essenziale per uso alimentare 2 volte al giorno.

 

Olio Di Finocchio

Anch’esso caldo e dolce, l’olio di finocchio è utile sia in caso di gonfiori epigastrici e addominali che di nausee e vomiti nervosi.

L’aroma del finocchio stabilizza le emozioni, scioglie l’ansia ed evita di ingurgitare aria durante i pasti.

Come puoi fare:

Prendi 2 gocce di Olio Essenziale per uso alimentare 2 volte al giorno.

 

I Rimedi Omeopatici
Lycopodium Se Vai A Tavola In Preda All’Ansia

Lycopodium è il rimedio omeopatico adatto ai soggetti che affrontano i pasti in maniera convulsa, ingurgitando quantità consistenti di cibo (soprattutto dolci e carboidrati raffinati) ma anche tanta aria.

La tensione gastrica si manifesta in genere tra le 16 e le 20 e si attenua sdraiandosi oppure slacciando i pantaloni o la gonna che paiono stringere come una morsa.

Il gonfiore non è mai migliorato dalle eventuali eruttazioni.

Per quello che riguarda l’individuo Lycopodium, in generale si tratta di un soggetto che soffre molto il freddo, ma che nemmeno tollera un eccesso di calore ambientale. Questo lo rende fiacco e rallenta i suoi riflessi.

Come puoi fare:

Assumi 5 granuli del rimedio alla 5 CH, 3-4 volte al giorno a seconda dell’intensità del disturbo.

A mano a mano che si comincia a manifestare il miglioramento, la somministrazione delle dosi va diradata (si passa da 4 volte al dì a 3, poi a 2 ecc.) e va sospesa appena il disturbo cessa.

 

Riepilogando
I Rimedi Naturali Per
Aria Nello Stomaco E Ansia
In Breve

[bullet_block large_icon=”23.png” width=”” alignment=”center”]

  • Erbe Aromatiche – Aggiunte ai cibi, aiutano ad assorbire l’eccesso di aria che si crea nello stomaco.
  • Pane Nero Tostato E Verdure, Ecco una Fantastica Merenda per chi soffre di Aerofagia E Crampi Allo Stomaco – Una fetta di pane di segale con un filo d’olio extravergine e ortaggi di stagione a fettine. Il pane integrale e le verdure ti obbligano a masticare più a lungo, evitandoti di ingurgitare troppa aria.
  • Miele E Limone – La limonata dolcificata col miele, da bere dopo i pasti, facilita la digestione e nello stesso tempo previene la formazione di aria.
  • Origano – Il suo olio essenziale, ma anche le sue foglie essiccate e aggiunte ai cibi crudi o cotti, prevengono le fermentazioni che si ripercuotono sullo stomaco, provocando Aria E Crampi Allo Stomaco.

[/bullet_block]

 

Il Corso Inizia Qui:

► 1) Disturbi Digestivi: La Guida Completa

► 2) Rimedi Naturali Per Il Bruciore Di Stomaco

► 3) Rimedi Naturali Per Nausea E Vomito

► 4) Rimedi Naturali Per Aria Nello Stomaco E Ansia (Questa è la guida che stai leggendo adesso).

 

Il Corso Continua Qui:

 5) Digestione Difficile: Aiutati Con Yoga Ed Essenze

► 6) Disturbi Gastrici Ricorrenti: Risolvili Con Gli Oligoelementi

 

 

Dai Un’Occhiata Al Mio Ultimo Lavoro:

Crampi Allo Stomaco

Aerofagia: La Fame Di Affetto (Risolvilo con un Click! Vol. 3)

Deglutizione frequenti e ripetitive durante i pasti, l’uso di gomme da masticare, il fumo o l’assunzione di bibite gassate, possono inconsapevolmente gonfiare lo stomaco.

Tutt’a un tratto questo produce eruttazioni, un doloroso senso di oppressione al torace e antiestetici gonfiori addominali.

Da un punto di vista simbolico uno stomaco pieno di qualcosa che non nutre potrebbe significare un bisogno insoddisfatto di affetto (cibo per la psiche) che viene sostituito da aria, ovvero un’apparenza priva di sostanza.

 

A Dopo Con La Prossima Guida! 🙂