Nervosismo Di Giugno

Nervosismo

Nervosismo, Gastrite e Colon Irritabile Di Giugno Si Dissolvono Grazie Al Tiglio e alla Vaniglia.

Nervosismo di Giugno, perché? È un periodo di accelerazione dell’attività. Così ci si ritrova a fare più cose nello stesso tempo e questo, dopo un anno d’impegno, è una sorta di colpo di grazia per un sistema nervoso già provato.

Il caldo non facilita certo le cose, e ci rende ancora più deboli, reattivi e insofferenti. Per questo sul piano psichico possono esserci nervosismo, irritabilità, ansia mentre sul piano fisico compaiono coliti improvvise, sudorazione eccessiva, mal di testa e dolori cervicali.

Nervosismo, perché il Tiglio? Questa pianta generosa è uno scrigno di mucillagini e oli lenitivi che placano le irritazioni e migliorano anche la digestione.

Primo obiettivo: Calmare il nervosismo provocato dal caldo e dalla fatica che si riflettono anche sul sistema digerente.

 

Il Tuo Alleato: il Tiglio

I suoi poteri distensivi e le sue virtù calmanti hanno un effetto antistress su tutte le cellule, nervose e non solo. Drena anche l’intestino.

Il tiglio è un albero familiare in campagna e anche nelle nostre città, alto tra i 30 e i 40 metri, produce fiori profumati raccolti in grappoli.

In Europa è assai diffuso come pianta spontanea, ma è anche coltivato a scopo ornamentale. Anticamente se ne utilizzavano la corteccia, ridotta a impiastro da applicare sulle piaghe, e i fiori per i disturbi nervosi, le vertigini e l’epilessia.

Anche oggi la medicina naturale sfrutta le virtù terapeutiche di diverse parti di questa pianta. Dalle foglie e dai fiori si ricavano infusi e tintura madre, con l’alburno (la parte più giovane del tronco degli alberi posta sotto la corteccia) si possono fare dei decotti, e dalle gemme si estrae il macerato glicerico.

Il tiglio trova numerosi impieghi nella cura dello stress; oltre ad avere un’azione calmante, contiene, infatti, mucillagini che esercitano un’azione lenitiva sull’intestino infiammato, ed è anche efficace in caso di coliche che scatenano agitazione e nervosismo.

Il decotto dell’alburno della pianta, inoltre, è drenante e disintossicante, e utile per diversi disturbi, tra cui ritenzione idrica e cellulite.

 

  • Ecco la pianta dalle virtù anti tensive che placa insonnia, pressione alta e tachicardia ...

Il tiglio è noto soprattutto per la sua azione benefica sul sistema nervoso e si rivela perciò efficace nel placare gli stati d’ansia, tachicardia, palpitazioni, insonnia. Più in generale molti disturbi nervosi leggeri, come emicranie, vertigini, problemi gastrici o intestinali di origine emotiva, possono trarre giovamento dall’impiego di questa pianta.

In periodi di stress e intenso affaticamento fisico e intellettuale, dovuto ad esempio a eccessivi carichi di lavoro o all’arrivo dei primi caldi, il tiglio può essere di valido aiuto.

Anche le lievi forme ipertensive legate allo stress possono essere alleviate grazie alla pianta, per l’effetto combinato delle sue proprietà calmanti e vasodilatatrici.

 

Albero Tuttofare

Del tiglio, che tra la fine di maggio e l’inizio di giugno è al culmine della fioritura, si utilizza tutto: i fiori, per bagni e infusi, le giovani foglie (da cui si estrae il macerato glicerico) e l’alburno, lo strato che sta sotto la corteccia, ideale per i decotti.

 

Nel Bagno Serale Rilassa

Un bagno preparato con i fiori di tiglio è distensivo e ristoratore, e predispone a un buon sonno; è ideale anche per i bambini quando sono stanchi e nervosi.

 

Come puoi fare:

Fai bollire 100 g di fiori di tiglio in 2 litri d’acqua per circa 20 minuti, lascia intiepidire l’infuso ottenuto, filtralo e aggiungilo all’acqua del bagno.

Il Macerato Glicerico è Distensivo

Contro l’ansia lieve e l’insonnia prendi 50 gocce di macerato glicerico di Tilia tomentosa con un po’ d’acqua, una volta al giorno. Se il problema è soprattutto l’insonnia, assumine 30 gocce nel tardo pomeriggio e 30 mezz’ora prima di andare a dormire.

 

L’Infuso è Anti Insonnia

L’infuso di fiori di tiglio si prepara versando una tazza di acqua calda su un cucchiaino di fiori essiccati, Lascia in infusione per 10 minuti, filtra e bevine 3-4 tazze al giorno.

 

Prova i suoi impacchi al Posto del Doposole
È un ottimo lenitivo per la pelle arrossata

Le proprietà emollienti e lenitive del tiglio, dovute soprattutto alle mucillagini, ai flavonoidi e agli oli aromatici che contiene, si possono sfruttare per trattare le pelli aride, stanche, sensibili e arrossate. Si fanno degli impacchi con l’infuso, preparato con 100 g di fiori per un litro d’acqua e lasciato raffreddare.

 

Come puoi fare:

Tieni l’impacco sulla pelle del viso per 5 minuti. Ripeti l’operazione 2-3 volte al giorno.

 

La Vaniglia
L’essenza Dolce Che Combatte lo Stress

A giugno si chiude la primavera e avremmo tutti bisogno di prenderci una pausa per “rassettarci” psicologicamente e fisicamente.

Purtroppo nella maggior parte dei casi è un lusso che non possiamo concederci anzi, a giugno per i ragazzi è periodo di esami e per gli adulti è il momento di raddoppiare gli sforzi per portare a termine gli impegni prima della chiusura estiva.

In questo caso l’olio essenziale di Vaniglia, orchidea originaria delle zone tropicali del Messico, è il rimedio ideale per rilassare i nervi e ritrovare energia e buon umore.

Il suo aroma, che nella memoria olfattiva è legato ai ricordi infantili dei dolci fatti in casa, produce un senso di appagamento psicofisico che lenisce tensioni e frustrazioni, allontana lo stress e aiuta a tenere sotto controllo la fame nervosa, che spesso si scatena nei periodi di stress.

Poiché alcune molecole dell’essenza di Vaniglia sono affini ai ferormoni umani, avvolgersi nel suo aroma contrasta i cali libidici provocati dallo stress.

 

Come Usare La Vaniglia:

Per tutto il mese, profuma la casa e l’ambiente di lavoro con l’olio essenziale di vaniglia versandone 5 gocce in un bruciaprofumi, e non dimenticare di massaggiarne una goccia sui polsi 2 volte al giorno.

 

Potrebbe Interessarti Anche:

► Stress Rimedi

► Stress Da Vacanza

 

A Domani Con La Prossima Guida! 🙂