Le pesche fanno bene ti donano, Infatti, tanto benessere estivo cominciando dai reni stressati. Per capire se i tuoi reni sono “stressati” basta che fai caso a come ti senti. Se hai i reni anche solo un po’ affaticati avverti un senso di stanchezza profonda, e se sei predisposto si potrebbero innescare atteggiamenti depressivi.

La prima cosa che puoi fare, è cercare di contenere il rischio-disidratazione bevendo di più, consumando cibi ricchi di acqua, Vitamine e minerali come la Pesca ed evitando di sottoporti a pesanti sforzi fisici sotto il sole.

Le pesche fanno bene anche alla pelle. Tieni conto, infatti, che la debolezza dei reni si riflette anche a livello della pelle, un altro degli organi in primo piano in questo periodo dell’anno.

Una cattiva diuresi, che non smaltisce in maniera efficace tossine e acidi urici fa, infatti, migrare nei tessuti epidermici un surplus di tossine che indeboliscono la cute e favoriscono, in chi si espone al sole, la formazione di smagliature, rughe e macchie.

 

Le Pesche Fanno Bene Per Davvero?
Dagli Orientali Erano Considerate
“Il Frutto Dell’Immortalità”

Straordinaria la pesca, frutto dolce e succoso originario della Cina, dove già anticamente se ne coltivavano diverse varietà.

In Oriente era definito il “frutto dell’immortalità” definizione tutta meritata, infatti, è ricca di vitamine come: A, B1, B2, C e PP e di oligoelementi tra cui fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro, manganese.

Le pesche fanno bene e lo sanno bene anche gli europei, ma inizialmente in Europa fu solo apprezzata come pianta medicinale perché il frutto era considerato tossico. Sai perché? Attenzione, perché certe cose è meglio conoscerle bene … La mandorla contenute nel nocciolo della pesca contiene l’amigdalina, che a sua volta contiene acido prussico, cioè l’acido cianidrico, estremamente velenoso.

Se per caso hai l’abitudine di tenere in bocca il nocciolo della pesca a mo di caramella per controllare la sete (credenza popolare) adesso sai cosa rischi.

 

[bullet_block large_icon=”51.png” width=”” alignment=”center”]

  • Attenzione a quello che fanno i bambini con il nocciolo potrebbero riuscire a romperlo e ad arrivare alla “mandorla” scambiandola per una mandorla commestibile.

[/bullet_block]

Tornando ai benefici della pesca dell’antica farmacopea devi sapere che la mandorla e il nocciolo erano utilizzati contro il mal di testa e i disturbi digestivi, mentre le foglie e la corteccia dell’albero erano considerate vermifughe, antipiretiche e diuretiche. Ovviamente i preparati erano prodotti da mani sagge ed esperte.

La pesca contiene un acido abbastanza simile a quello citrico, che ha la proprietà di eliminare le tossine e che la rende preziosa nella dieta di chi soffre di difficoltà digestive e di disturbi di circolazione.

È un frutto che, anche se sottoposto a trattamenti naturali di conservazione, mantiene buona parte dei suoi pregi organolettici e delle sue proprietà disintossicanti per cui, pur concentrandosi la produzione in luglio e agosto quando i sui benefici sono al livello massimo, è una vera risorsa per tutto l’anno.

 

[bullet_block large_icon=”66.png” width=”” alignment=”center”]

  • Prima Di Partire Per Le Ferie Sfiamma I Reni E I Nervi …

[/bullet_block]

 

Prima Delle Ferie Assumi
L’Eccezionale Infuso Di Fiori Di Pesco

I fiori di pesco, oltre a essere belli da vedere, svolgono un’azione sedativa. Per attenuare il nervosismo tipico dell’ultimo mese di lavoro e ripulire i reni prima delle ferie estive, assumili in infusione.

Come puoi fare:

[bullet_block large_icon=”39.png” width=”” alignment=”center”]

  • Metti in mezzo litro di acqua bollente una manciata di fiori di pesco (freschi o essiccati).

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”40.png” width=”” alignment=”center”]

  • Lascia in infusione per un quarto d’ora.

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”41.png” width=”” alignment=”center”]

  • Filtra.

[/bullet_block]

 

[bullet_block large_icon=”66.png” width=”” alignment=”center”]

  • Ti Suggerisco Di Bere L’Infuso Durante Il Giorno Lontano Dai Pasti.

[/bullet_block]

 

Mitico questo frutto tuttofare riesce a stimolare il drenaggio, a regolare la traspirazione, a vincere la tensione addominale e tonificare la vescica.

La pesca ha proprietà lassative e soprattutto diuretiche. Consumarla regolarmente giova quindi a chi soffre di costipazione intestinale e di stipsi, e a chi lamenta un’insufficienza renale o la presenza di calcoli urinari.

 

Le Pesche Fanno Bene Anche Cotte

Di mattina le pesche cotte ti aiuteranno a svuotare la pancia.

 

Preparale così:

[bullet_block large_icon=”39.png” width=”” alignment=”center”]

  • Sbuccia 3 pesche fresche.

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”40.png” width=”” alignment=”center”]

  • Cuocile a vapore.

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”41.png” width=”” alignment=”center”]

  • Lascia intiepidire.

[/bullet_block]

Mangiale al mattino, a digiuno.

 

Le Pesche Fanno Bene Alla Traspirazione
Soprattutto Per Chi Suda Troppo

Aggiungile alle insalate di frutta, con succo di limone per non farle scurire.

 

Le Pesche Fanno Bene Alla digestione

Gustale come aperitivo, sono un ottimo drenante, e ti aiutano a metabolizzare meglio l’intero pasto.

Fai così:

[bullet_block large_icon=”39.png” width=”” alignment=”center”]

  • Frulla una pesca.

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”40.png” width=”” alignment=”center”]

  • Aggiungila a un calice di succo di mela trasparente.

[/bullet_block]

[bullet_block large_icon=”41.png” width=”” alignment=”center”]

  • Bevi prima dei pasti principali.

[/bullet_block]

 

Leggi Anche:

 La Cura della Mela, Finalmente Svelati tutti i Segreti!

► La Cura della Pera, Fantastica, per il recupero della tua Energia!

 

A Domani Con La Prossima Guida! 🙂