In Questa Stagione Le Campagne Sono Un Tripudio Di Erbe Di Campo Commestibili. Raccoglile E Aggiungile A Crudo A Tutti I Tuoi Piatti: Sono Una Miniera Di Energia Protettiva E Rigenerante.

Già, proprio le erbe di campo sono il vero elisir di questo mese. Maggio è il mese in cui la primavera si consolida infatti non è sottoposta ai repentini cambi climatici, ai venti e alle piogge di marzo e aprile. E questa “stabilità” si riflette su tutta la natura, nelle campagne, negli alberi e soprattutto nei campi.

Vuoi fare un “fioretto” veramente terapeutico? Orienta fino ai primi di giugno il tuo fabbisogno alimentare verso le cime di rapa, il tarassaco, la pratolina, le erbette, gli spinaci, le coste, la catalogna, l’acetosella.

Un tempo le piante selvatiche si raccoglievano in campagna, oggi si possono trovare coltivate in modo biologico.

Ti suggerisco, comunque, una gita fuori porta per fare il pieno dell’energia verde che queste erbe contengono, ti assicuro che vale veramente il viaggio. Possiedono infatti un potere depurativo e disinfiammante unico e proteggono le pareti dell’apparato intestinale, e oggi sappiamo che l’intestino pulito è la base della salute di tutto il corpo e anche del cervello.

L’eccesso di carni, condimenti, fritti, formaggi, alcolici insieme allo stress indebolisce la funzionalità delle pareti intestinali e così ci riempiamo di radicali liberi e tossine.

Queste erbe, associate tra loro, forniscono una ricchezza di fibre e vitamine che non troveremo, in queste concentrazioni, mai come a maggio.

 

La catalogna, la più famosa delle cicorie, è ricchissima di calcio, sali minerali, vitamina A, fosforo, cellulosa. Protegge anche lo stomaco.

Un bell’abbinamento di tutte queste erbe è con i fiori, ad esempio quelli del trifoglio e dell’acacia, che garantiscono un buon sonno.

Usa, poi, per tutto il mese l’acetosella, ricca di vitamina C. Deve essere assolutamente presente nelle insalate di primavera inoltrata, perché purifica il sangue e salvaguarda la pelle da ascessi, dermatiti ed è un vero decongestionante.

 

Fantastiche Le Insalate Arricchite
Un Vero Cibo-Elisir

Così la vera terapia di maggio è quella delle “insalate arricchite”, ma non quelle che vengono chiamate nei bar “insalatone” e che altro non sono che cocktail di tonno, maionese, rucola, mais e formaggi. No, le “insalate arricchite” sono quelle che uniscono fiori, erbe, piante e che hanno adesso il loro momento più forte di energia vitale equilibratrice e tonificante. Non mangiamo per saziarci ma per curarci, per proteggere il nostro sistema immunitario e le nostre mucose più preziose.

Mai far mancare nelle “insalate arricchite”, il timo che combatte la putrefazione delle feci e che è un vero antisettico.

Anche i fiori di sambuco, freschi o essiccati, ci difendono e hanno un forte potere diuretico, il ché significa liberare i reni e le acque dalle tossine.

Molti impanano questi fiori con le uova e li friggono, ma così perdono il loro potere terapeutico.

Per comprendere quanto i fiori di sambuco siano preziosi, basta dire che le api ne raccolgono il polline in primavera e questo le rende immuni da quasi tutti i batteri.

Mai farsi mancare sulle insalate un trito di foglie di crescione. Sono diuretiche, depurative del fegato, tonificanti del sistema nervoso e fonti preziose di vitamina C e betacarotene.

L’antica medicina dei conventi riteneva che le erbe di campo fossero un regalo della Provvidenza e sai che ti dico?  Secondo me aveva ragione.

 

Fiori E Foglie Non Vanno Cotti A Lungo
Così Non Perdono I Loro Principi Attivi

Sì, è maggio il periodo giusto per raccogliere nei prati i fiori e le erbe di campo, le loro insalate, infatti, hanno un potere antinfiammatorio e depurativo unico.

Vanno consumate fresche o solo leggermente scottate nell’acqua, mai fritte e cotte a lungo.

Quindi, niente minestre che richiedano lunghe bolliture e che fanno perdere ai vegetali i loro contenuti vitaminici.

In particolare, menta, papavero, timo e cumino dei prati erano ricercati dalle nostre nonne per le loro proprietà salutari.

[bullet_block large_icon=”23.png” width=”” alignment=”center”]

  • Le foglie di menta per le tisane digestive e rinfrescanti.
  • I semi del papavero servono per guarnire pane e dolci utili per migliore l’umore e riposare bene.
  • Col timo si insaporiscono insalate e pesce per proteggersi dai raffreddori di primavera.
  • E un po’ di cumino su tutti i piatti regolarizza l’intestino ed evita fermentazioni e gonfiori.

[/bullet_block]

 

[bullet_block large_icon=”66.png” width=”” alignment=”center”]

  • Il crescione va aggiunto in abbondanza su tutte le insalate: è un valido tonico epatico e stimola l’immunità.

[/bullet_block]

 

Leggi Anche:

Come Depurare L’Organismo Con La Rapa

 

A Dopo Con La Prossima Guida! 🙂