Come Combattere L’Insonnia Naturalmente

Come Combattere L'Insonnia

Perché esistono tante guide su Come Combattere L’Insonnia? Moltissimi ci sono incappati almeno una volta. Per altri è una tortura quasi quotidiana.

Quando il sonno non arriva mai, oppure ci si sveglia ore prima del dovuto, tutto l’equilibrio psicofisico ne risente.

Stress, stanchezza cronica e depressione sono i rischi più gravi.

 

Come Combattere L’Insonnia
Imparando A Conoscerla

La difficoltà a prendere sonno o a rimanere addormentati sono i segni più evidenti di questo disturbo, una condizione che oggi affligge un terzo degli italiani, causando disagio nello svolgimento dell’attività lavorativa, nelle relazioni sociali e in altre aree importanti del vivere quotidiano.

I sintomi più spesso riportati da chi soffre d’insonnia sono problemi di memoria, spossatezza mattutina, difficoltà di concentrazione, ansia e depressione.

Insieme vedremo come prevenire e curare naturalmente un disturbo che tanto negativamente può influire sulla qualità della nostra vita.

 

Le Cause

Problemi psicologici e fattori emotivi sono responsabili di oltre la metà dei disturbi del sonno. Anche ansia e depressione sono cause comuni per questo problema.

Molte malattie possono accompagnarsi all’insonnia come il diabete, le allergie, i problemi gastrointestinali e i disturbi psichiatrici. Inoltre un numero rilevante di medicinali da banco e di farmaci comunemente prescritti contiene sostanze capaci di modificare il sonno.

Tra questi alcuni antidolorifici contenenti caffeina, pillole per dimagrire ormoni steroidei, decongestionanti nasali a base di stimolanti, ormoni tiroidei ed alcuni farmaci per controllare la pressione arteriosa.

 

Conta Lo Stile Di Vita

 Lo sport aiuta, ma non quello in TV, sii Tu il protagonista!

Ci sono accorgimenti e regole che occorre seguire per evitare di incappare in disturbi del sonno. Lo stile di vita e ciò che si fa durante il giorno incide. Ecco come evitare gli errori più frequenti.

 

  • Fai più moto

Le persone sedentarie hanno maggior probabilità di soffrire d’insonnia. L’esercizio, fisico, contribuisce ad aumentare l’attività metabolica ed equilibra il sistema nervoso: è il miglior antidoto all’insonnia.

 

  • Modera l’alcol

L’uso di “droghe” compromette pesantemente l’andamento del ciclo sonno-veglia. In particolare gli alcolici danno l’illusione di favorire il sonno: ma è un sonno che procura scarso riposo.

 

  • Attento a dove dormi

Importante l’attenzione all’ambiente in cui si dorme: luce, rumore, umidità eccessiva, scarsa ventilazione e un materasso scomodo sono fattori da non trascurare.

 

  • Farmaci a rischio:

L’abuso di farmaci per dormire è una tra le cause emergenti. Le pillole per dormire esauriscono il loro effetto ipnotico dopo poche settimane.

 

Come Combattere L’Insonnia
Con I Rimedi Della Fitoterapia

Numerose piante medicinali possiedono proprietà sedative e tranquillanti. Tra queste Passiflora incarnata, Avena sativa e Valeriana officinalis sono di grande aiuto nel promuovere il sonno.

 

Passiflora Incarnata

Ogni tipo di disturbo del sonno trae beneficio dalle qualità di questa pianta, che è particolarmente efficace con chi soffre di asma, dolori nervosi e crampi muscolari.

 

Come puoi fare:

Prendi 50 gocce di Tintura Madre di Passiflora 45 minuti prima di andare a letto.

 

Valeriana Officinalis

Rilassa, abbassa la pressione sanguigna, favorisce la digestione e calma i dolori spastici. Recenti studi clinici hanno confermato il valore della pianta nel migliorare la qualità del sonno. È molto utile nell’insonnia che si accompagna a dolore mestruale, ansia, ipereccitabilità.

 

Come puoi fare:

Per un sonno dolce e continuo assumi 40 gocce di Tintura Madre di Valeriana 45 minuti prima di andare a coricarti.

 

Avena Sativa

Dotata di spiccata attività sedativa, è particolarmente utile nei disturbi del sonno delle donne in gravidanza, dei forti fumatori e di chi beve alcolici.

 

Come puoi fare:

Assumi 60 gocce di tintura madre di Avena sativa, 45 minuti prima di andare a letto.

 

Come Combattere L’Insonnia
Con Gli oli essenziali

 

  • Scegli il profumo adatto e il sonno arriverà ...

Le proprietà rilassanti e calmanti degli oli essenziali si rivelano preziose nel trattamento dei disturbi del sonno, in particolare quando lo stress ne è la causa principale. Per un più profondo beneficio sulla qualità del sonno consigliamo di utilizzare gli oli essenziali durante o dopo un bel bagno caldo.

 

Camomilla

È indicata per favorire il sonno in persone irritabili e molto reattive, spesso affette da disturbi gastrici. L’olio essenziale di camomilla è assai efficace anche nell’insonnia infantile.

 

Lavanda

Predispone al riposo notturno, migliorando l’umore e la digestione. Il suo effetto antipertensivo la raccomanda agli insonni che soffrono di pressione arteriosa elevata.

 

Gelsomino

Rilassante della muscolatura, sedativo e blando antidepressivo, è anche dotato di proprietà espettoranti. Utile specialmente in chi soffre di difficoltà respiratorie.

 

Neroli

L’olio essenziale prodotto dalla distillazione dei fiori di arancio amaro è intensamente rilassante. Prendilo senza esitare se la tua insonnia è generata da ansia, depressione, panico o recenti shock.

 

Sandalo

Molto rilassante, favorisce la digestione e calma il malumore di una difficile giornata di lavoro.

Dotato di proprietà afrodisiache, predispone dolcemente all’amplesso.

 

 Come Combattere L’Insonnia
Con L’Idroterapia

Un bagno caldo prima di andare a letto è assai pia rilassante della doccia e può diventare, con l’aggiunta di qualche goccia di oli essenziali, un ottimo rimedio contro l’insonnia.

Immergendoti nell’acqua calda della vasca alzi la temperatura del tuo corpo, generando un benefico rilassamento muscolare e predisponendo al sonno l’organismo.

Aggiungendo poi 10 gocce dell’olio essenziale a noi più congeniale otterrai un’azione rilassante più profonda e completa.

Ricordati di mantenere la temperatura dell’acqua solo leggermente superiore a quella del corpo (circa 38°) e di non rimanere a mollo per oltre 15 minuti.

 

  • Ancora Oggi Vincono Gli Antichi Rimedi Della Nonna ...

 

I Cibi Giusti E Quelli Sbagliati
Favoriscono Il Sonno

  • Cereali integrali
  • Funghi
  • Cibi ricchi di clorofilla (verdura verde)
  • Basilico
  • Latte caldo con miele
  • Frutta dolce (banana, giuggiole, datteri)

 

Come Combattere L’Insonnia Eliminando
Le Sostanze Che Ostacolano Il Sonno

  • Caffè, Tè, Bevande alla cola, alcolici
  • Cibi speziati
  • Cereali raffinati
  • Cibi contenenti additivi e conservanti
  • Zuccheri semplici, dolciumi e cioccolata
  • Carne e insaccati
  • Formaggi, uova e pomodori

 

Le Curiosità

I cereali integrali, ricchi di zuccheri complessi e vitamine del complesso B, possiedono un effetto dolcemente ipnotico poiché fanno aumentare i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore cerebrale che favorisce il sonno.

Un bicchiere di latte caldo con miele è uno dei più antichi ed efficaci rimedi contro l’insonnia. La scienza ha oggi spiegato il perché: il latte, oltre ad essere ricco di calcio e magnesio, contiene triptofano, un aminoacido che, quando è convertito in serotonina nell’organismo, induce il sonno e previene il risveglio.

 

Come Combattere L’Insonnia Con Le Tisane
Rilassano I Muscoli E Preparano Al Letto

Una bevanda calda nel primo pomeriggio o dopo cena ha di per sé una naturale azione rilassante.

Se a questa aggiungi le proprietà farmacologiche di alcune piante medicinali, capaci di favorire il sonno e rilassare la muscolatura ottieni un efficace e piacevole rimedio che aiuta a migliorare la qualità del nostro sonno.

Ecco alcune proposte di tisane che puoi facilmente preparare a casa.

Usa l’acqua minerale naturale come liquido d’infusione.

Inoltre è bene non conservare infusi e decotti in frigorifero per un tempo superiore alle 36 ore: oltre al calo delle proprietà farmacologiche dell’infuso, vi è il rischio di contaminazioni microbiche.

 

Infuso Di Alloro

Poni 5 grammi di foglie di alloro essiccate in infusione per dieci minuti in poco più di mezzo litro di acqua bollente. Filtra il preparato e bevilo caldo con un cucchiaio di miele di tiglio ogni sera mezz’ora prima di andare a dormire.

 

Infuso Di Tiglio

Metti 15 grammi di fiori secchi di tiglio in un litro di acqua bollente. Lascia in infusione per un quarto d’ora. Filtra il preparato e bevi una tazza calda ogni sera prima di coricarti.

 

Decotto Di Luppolo

Fai bollire 30 grammi di fiori femminili essiccati di luppolo per cinque minuti in un litro d’acqua. Filtra il decotto e bevi una tazza calda la sera prima di coricarti.

 

Decotto Di Maggiorana

Fai bollire 5 grammi di sommità fiorite essiccate in un litro di acqua, per non più di cinque minuti. Bevi una tazza del filtrato caldo poco prima di coricarti.

 

Infuso Di Marrubio Bianco

Metti 30 grammi si sommità fiorite essiccate in un litro di acqua bollente, lasciali in infusione per dieci minuti. Filtra e bevi una tazza d’infuso caldo con un cucchiaio di miele di tiglio poco prima di andare a dormire.

 

La Melatonina Regola Il Tuo Sonno

La fama della melatonina quale sostanza ipnotica naturale è notevolmente cresciuta in questi anni.

Quest’ormone prodotto dall’epifisi, una ghiandola posta nel nostro cervello, è secreto durante la notte per risposta al progressivo abbassamento di luce. Di mattina quando apriamo gli occhi, la luce segnala al cervello di cessare la secrezione di melatonina. La melatonina sarebbe quindi il nostro messaggero del sonno.

L’integrazione di melatonina appare efficace come anti-insonnia in particolare nelle persone che hanno bassi livelli notturni dell’ormone, come quelle anziane, quelle che lavorano di notte e i viaggiatori.

 

Leggi Anche:

► Come Dormire Meglio Grazie Alla Vaniglia

► Come Combattere Lo Stress

 

Dai Un’Occhiata Al Mio Ultimo Lavoro:

Acidità E Mal Di Stomaco ► Acidità E Mal Di Stomaco: Un Fuoco Che Brucia Dentro (Risolvilo con un Click! Vol. 2)

Finalmente la soluzione, risolvendo la Causa e non il Sintomo. Il sintomo del bruciore può rappresentare una difficoltà a esprimere la propria aggressività perché è vissuta come distruttiva.

In chiave simbolica l’aumento dell’acidità gastrica e la diminuzione delle difese della parete gastrica possono essere considerati simili a un meccanismo auto aggressivo, all’esplosione di un fuoco che non trova altri sbocchi o sufficienti substrati su cui agire.

 

A Domani Con La Prossima Guida! 🙂