Come Combattere Il Caldo

Come Combattere Il Caldo

In questa guida ti svelo le migliori strategie su Come combattere il caldo. Vinci adesso l’afa e tonifica circolo, pelle e nervi, così proteggi i tessuti che rischiano l’inaridimento. Previeni, quindi, i danni da caldo per dare energia a tutto l’organismo.

A Luglio il corpo è fiaccato dalle temperature torride e rischia disturbi che avranno conseguenze per il resto dell’anno. Scopri come evitarli e come trasformare l’energia estiva in una scorta di vitalità per i mesi che verranno.

Con l’arrivo dell’estate, le energie della natura raggiungono il loro acme. È questo il momento dell’espansione, del gran caldo che simboleggia la forza maschile, il culmine del massimo “yang” come direbbero i medici cinesi.

Nel mese di luglio la linfa scorre intensamente all’interno delle piante, in modo da far maturare i frutti e concentrare nei nuovi semi le sostanze necessarie per il lungo inverno.

In questo mese, quindi, anche noi dovremmo prestare attenzione a due aspetti fondamentali: da una parte, è necessario nutrire e salvaguardare quei tessuti che più di altri possono soffrire il caldo, ossia la circolazione sanguigna, il sistema nervoso e la pelle. Dall’altra, è importante fare tesoro adesso del fuoco estivo, poiché è grazie alla sua energia che possiamo prevenire fin da adesso i malanni del prossimo inverno.

Così ce la fai: Con l’alimentazione giusta, i succhi biologici e i rimedi erboristici puoi garantirti fin d’ora benessere e salute per i mesi restanti dell’anno, in piena sintonia con i ritmi della natura.

 

Ecco Come Combattere Il Caldo
E Dove Devi Intervenire In Modo Specifico

Se rinforzi questi organi eviti debolezza, cali di pressione e vulnerabilità ai virus estivi.

 

Sistema nervoso e cervello

Il caldo ne rallenta l’attività, riducendo la memoria, la concentrazione e la resistenza allo stress.

I neuroni e le cellule cerebrali richiedono un surplus di liquidi e di enzimi ricostituenti. Scopri quali sono più avanti in questo corso.

 

Pelle e muscoli

Le esposizioni prolungate al sole e la disidratazione prodotta dalla sudorazione abbondante disidratano le cellule, provocando spossatezza e inaridimento.

Devi proteggerli con i cibi rivitalizzanti e con i succhi idratanti. Anche per questi trovi le indicazioni specifiche più avanti.

 

Sistema circolatorio

I picchi di afa e umidità affaticano l’attività cardiaca, rendono vischioso il sangue e fanno dilatare vene, arterie e capillari, peggiorando gonfiori e cali di pressione.

Prova la formula anti caldo a base di erbe e integratori specifici per l’apparato circolatorio, che trovi descritti in questo corso.

 

I Danni Della Calura
Un Corpo Surriscaldato Si Ammala Più Facilmente

Temperature costanti oltre i 30° e un elevato tasso di umidità frenano il metabolismo cellulare e danneggiano gli anticorpi. Con un abbassamento dello scudo immunitario che favorisce capogiri debolezza e invecchiamento.

Quando il caldo ambientale è elevato, la temperatura del corpo tende ad aumentare, con effetti negativi su organi interni e tessuti. Normalmente però l’ipotalamo, una fondamentale ghiandola di regolazione posta alla base del cranio, interviene mantenendo la temperatura corporea entro valori adeguati, in particolare attraverso la sudorazione, che durante l’estate è il principale meccanismo con cui il corpo si libera del calore eccessivo. Tuttavia, alcuni fattori possono ridurre la capacità di sudorazione del corpo, favorendo così il surriscaldamento dei tessuti. Ecco quali sono:

  • Elevato tasso di umidità.
  • Abuso di farmaci.
  • Disidratazione intensa.
  • Uso di abiti aderenti e non traspiranti.
  • Permanenza in ambienti chiusi e non ventilati.

 

Ecco I Sintomi Che Ti Dicono
Che L’Estate Ti Sta Indebolendo

Non devi sottovalutarli: rischi danni permanenti.

L’esposizione al calore rappresenta un forte stress per tutto l’organismo e può provocare varie conseguenze a carico di alcuni distretti corporei.

Per questo devi fare attenzione a questi sintomi.

Muscoli: con l’aumento del caldo, puoi riscontrare crampi e tremori provocati dalla disidratazione e dalla perdita di elettroliti, spesso dopo l’esercizio fisico, ma anche a riposo.

Pelle: si possono manifestare dermatiti da surriscaldamento e da sudorazione,  spesso piccole papule rosse e pruriginose.

Circolazione venosa e linfatica: i sintomi di sofferenza sono rappresentati dagli sbalzi di pressione e dall’aumento dei ristagni di liquidi e gonfiore soprattutto a livello di gambe, caviglie e dita (mani e piedi).

Sistema nervoso: la disidratazione provoca irritabilità, sonnolenza, debolezza, stanchezza, vertigini, giramenti di testa, febbricola e, nei casi più gravi, svenimento.

Il circolo è il motore della salute – Dalla funzionalità di vene e arterie dipende il benessere di tutto il corpo. Vene, arterie e capillari sono i “canali” attraverso i quali il sangue, ovvero il “carburante” della vita, circola in tutto il corpo. Il caldo affatica il cuore e il sistema circolatorio, con conseguenze negative sul benessere generale.

 

I Soggetti Più A Rischio
Esigono Un Surplus Di Protezione Anti Caldo

Alcune categorie di persone presentano un rischio maggiore di andare incontro ai danni da inaridimento e da ipersudorazione e a luglio devono fare più attenzione. Si tratta di:

  • neonati e bambini piccoli sotto i 3 anni
  • persone anziane
  • chi pratica esercizio fisico o svolge lavori intensi all'aria aperta
  • persone non autosufficienti, che non sono in grado di assumere liquidi da sole
  • persone che assumono medicinali che possono aggravare o favorire la comparsa di danni da caldo. I farmaci che possono interferire con la capacità dell'organismo di difendersi dal caldo sono i vasodilatatori, gli anti-ipertensivi, i diuretici, gli ansiolitici, i sedativi, gli antidepressivi e gli antinfiammatori.

 

La prima regola: bere di più – L’acqua da sola non basta: deve essere arricchita con erbe e frutti idratanti. Nel periodo estivo, bere acqua fredda gassata o bevande industriali zuccherine rischia di peggiorare i danni da caldo. Il corpo adesso ha bisogno di estratti naturali ricostituenti, di enzimi e clorofilla che reintegrano i sali persi con la sudorazione.

I pericoli in agguato quando sudi troppo – Se sudi eccessivamente e bevi poco e male – Disperdi i sali minerali e gli elettroliti che fanno funzionare tutte le cellule e gli organi interni. Così l’organismo perde vitalità.

 

Attenzione Anche Al Colpo Di Calore

È la conseguenza più grave del caldo, costituisce un’emergenza medica e si presenta con sintomi come confusione, ipotensione, convulsioni, perdita di coscienza, cute calda e asciutta, temperatura corporea superiore ai 40 °C. Compare quando i meccanismi di termoregolazione non fronteggiano più l’aumento di temperatura. i rimedi di pronto intervento sono la somministrazione di soluzioni idratanti e impacchi freddi, ma è bene rivolgersi comunque al medico.

 

Il Sistema Circolatorio
Con Lachesis E Centella Regoli La Pressione
E Salvi Vene E Arterie

Come Combattere Il Caldo

Edemi, cali di pressione e giramenti sono i segnali di un affaticamento circolatorio dovuto al caldo. Per evitare che diventino disturbi cronici, intervieni con erbe e sali.

Le alterazioni del circolo venoso, linfatico e arterioso sono dovute prevalentemente alla dilatazione di vasi sanguigni dovuta al caldo.

Attenzione se ti gonfi nella parte bassa del corpo – Il rallentamento del flusso venoso e linfatico, con conseguente stasi venosa e linfatica e senso di peso e gonfiore alle caviglie e alle gambe (edema), è sintomo di un accumulo delle scorie a livello periferico che apre la strada anche a infiammazioni locali croniche (flebite, cellulite, dilatazione permanente dei capillari).

Non sottovalutare i cali di pressione – Il calo della pressione arteriosa indotto dal caldo provoca stanchezza, debolezza, sensazione di testa pesante, sonnolenza. Nei casi più gravi, si manifestano palpitazioni, capogiri, tachicardia ed extrasistoli.

L’eccesso di calura danneggia il cuore – Se non proteggi in maniera adeguata il circolo durante i mesi più caldi, puoi provocare danni permanenti al cuore. Costretto a pompare sangue in vasi poco elastici e dilatati, fa il doppio della fatica e perde il suo ritmo naturale.

Centella asiatica – Prendila una volta al giorno per cicli di un mese: protegge il circolo – L’estratto di questa pianta è uno dei più efficaci tonici circolatori naturali. Rende elastiche le pareti dei vasi e fluidifica la circolazione, rendendo più sopportabile il caldo. Senza nessun effetto collaterale.

 

Gli Impacchi Freddi Evitano La Disidratazione

Un rimedio antico ma sempre efficace in caso di surriscaldamento del circolo, è quello di fare impacchi freddi su gambe e caviglie.

Fai così:

Sdraiati, imbevi nell’acqua gelata delle pezze di cotone e applicale sugli arti inferiori.

 

I Rimedi Su Misura Da Usare A Luglio …

 

La Centella asiatica tonifica le pareti dei vasi

È una pianta tropicale perenne particolarmente indicata per favorire il drenaggio venoso degli arti inferiori e prevenire i ristagni del circolo tipici della stagione calda. Agisce anche sulla parete dei capillari venosi aumentandone la tonicità.

Come puoi fare:

La centella può essere utilizzata mediante applicazione locale (creme o gel) e sotto forma di capsule o compresse da assumere per bocca. In quest’ultimo caso si assume una capsula da 30- 60 mg al giorno per un mese. Da evitare in gravidanza e durante l’allattamento.

 

Usa Lachesis Se Hai Le Gambe Gonfie E Pesanti

Lachesis è il rimedio omeopatico indicato per i disturbi del circolo periferico accompagnati da sensazioni di gambe pesanti ed estremo fastidio al minimo contatto. I disturbi peggiorano alla sera e con l’esposizione al sole.

Come puoi fare:

Assumi 5 granuli da 9 a 30 CH a seconda della gravità dei sintomi. La cura dura un mese e può essere ripetuta durante i mesi caldi.

 

Manganese E Cobalto Se Soffri Di Ipotenzione

Gli oligoelementi manganese e cobalto sono attivi per prevenire formicolii e sensazione di pesantezza alle gambe nelle persone con varici e nei soggetti che soffrono di ipotensione.

Come puoi fare:

Per un mese, prendi un flaconcino di manganese al giorno 3 volte alla settimana, alternato a cobalto, un flaconcino 3 volte alla settimana.

 

I vantaggi della cura – Riduci la sensazione di pesantezza e il gonfiore che possono comparire a livello di caviglie, piedi, gambe e mani. Impedisci il ristagno e l’accumulo periferico di scorie e tossine, che possono rallentare i processi metabolici. Inoltre, previeni varie alterazioni permanenti dell’apparato circolatorio come varici, flebiti e trombosi venose, soprattutto alle gambe.

a. Mani meno gonfie – Il miglioramento della circolazione evita l’accumulo di ristagni nelle estremità.

b. Caviglie più leggere – Se rigeneri vene e arterie, le gambe si sgonfiano e i piedi appaiono più “magri”.

 

Cervello E Sistema Nervoso
Come Combattere Il Caldo Che Provoca
Spossatezza E Nervi A Pezzi? Ci Vuole L’Arnica

Come Combattere Il Caldo

Il solleone che non dà tregua e l’aumento dell’umidità mettono a dura prova anche il sistema nervoso che reagisce scatenando debolezza, sonnolenza e febbre. Prendi subito gli eccezionali ricostituenti verdi.

La dilatazione dei vasi sanguigni, ma soprattutto la disidratazione con perdita di acqua e sali minerali, possono portare alla comparsa di disturbi nervosi di varia entità. Quelli più lievi sono spesso generici e difficili da sospettare, specie nei bambini e negli anziani, ma non devono essere sottovalutati, soprattutto in questa stagione.

I disturbi lievi spaziano dalla sonnolenza, alla vera e propria stanchezza, accompagnate da scarsa concentrazione, nervosismo e talvolta da febbricola.

Se il malessere diventa più intenso si manifestano vertigini, palpitazioni, scarso appetito, stanchezza e debolezza per sforzi minimi e tendenza a dormire molto.

I disturbi neurologici più gravi vanno dallo stato confusionale allo svenimento.

 

Arnica montana – Prendila in granuli – L’estratto di questa pianta energetica che cresce ad alta quota è un ottimo ricostituente del sistema nervoso. Assunta a metà mattina, ti assicura forza fisica ed energia mentale per tutta la giornata.

 

Perché il caldo danneggia i tessuti cerebrali? A luglio, che è il mese più caldo dell’anno, le condizioni climatiche talora proibitive hanno ricadute pesanti anche sul cervello. Infatti i circuiti neuronali, costretti a far fronte a un livello di stanchezza eccezionale, rallentano la loro attività e non sono ben irrorati dai vasi sanguigni, che a loro volta soffrono le alte temperature. Il risultato è un calo generale dell’energia vitale, che ci rende più vulnerabili alle malattie.

 

Ecco la tua formula di pronto intervento …

 

Con L’Arnica Stop Alla Fatica

L’arnica (Arnica montana) è un’erba dai fiori giallo-arancio che sboccia tra luglio e agosto nei luminosi pascoli d’alta montagna.

Non tutti sanno che, oltre all’azione esterna per traumi e contusioni, l’arnica può essere utilizzata anche come stimolante delle funzioni cerebrali e come tonico del sistema nervoso centrale.

Come puoi assumerla:

L’arnica va assunta in granuli alla 7 CH, nella dose di 5 granuli una volta alla settimana. La terapia va seguita per tutti i mesi estivi. È un ottimo ricostituente cerebrale e ci aiuta anche ad affrontare con energia la ripresa di settembre.

 

Lycopodium Se L’Afa Ti Mette Ko

Lycopodium (Lycopodium clavatum) è il rimedio omeopatico indicato per prevenire i disturbi nervosi che compaiono d’estate o sono aggravati dal caldo. Lycopodium è utile in caso di affaticamento mentale, difficoltà di memoria, scarsa attenzione e concentrazione, irritabilità e depressione dell’umore che peggiorano quando le condizioni climatiche sono particolarmente inclementi.

Come puoi assumerlo:

Prendi 5 granuli alla 15 CH una volta alla settimana per tutta la stagione estiva.

 

Magnesio e fosforo – assunti in sinergia, questi sali hanno un’azione anti caldo e riequilibrante a livello del sistema nervoso.

 

Fosforo E Magnesio, Gli Sveglia-Cervello

Oltre a manganese-cobalto (un flaconcino 3 volte alla settimana a giorni alterni a digiuno), per i disturbi nervosi dovuti al caldo ti suggerisco soprattutto il magnesio (un flaconcino 3 volte alla settimana, alternato a manganese-cobalto) per riequilibrare l’ipereccitabilità nervosa e alleviare l’affaticamento psichico, e il fosforo (un flaconcino 3 volte alla settimana, al pomeriggio), per prevenire cali di concentrazione e attenzione.

 

Occhio Ai Benefici

Già dopo una settimana di cura con i rimedi indicati, noterai un aumento dell’energia vitale e una maggiore prontezza di riflessi.

La mattina ti sveglierai con le “pile cariche”, senza sonnolenza né malumore.

A livello cerebrale, avrai più memoria, più capacità di concentrazione e sarai in grado di affrontare senza fatica le ultime settimane di lavoro prima dell’arrivo delle vacanze di agosto.

 

Ti È Piaciuta Questa Guida Fino A Qui? Allora Condividila Subito Con I Tuoi Amici. Grazie!

 

Pelle E Muscoli
Arsenico, Zolfo E Salvia
Vincono Le Dermatiti Da Caldo

Come Combattere Il Caldo

I disturbi cutanei ma anche la stanchezza muscolare sono all'ordine del giorno a luglio. Si curano purificando l'organismo e reintegrando i sali persi col sudore.

In estate è più facile incorrere in dermatiti, eczemi e micosi dovuti a eccessiva sudorazione. Tali alterazioni possono essere favorite anche dal rallentamento del circolo, come visto in precedenza, e da un abbassamento delle difese, determinato dal quadro generale di debolezza, che si manifesta anche sotto forma di affaticamento muscolare.

Se trascurati, i disturbi dei tessuti possono aprire la strada a infezioni più serie. Più frequente a luglio è per esempio l'herpes labiale, la cui comparsa può essere scatenata dal caldo e dall'esposizione al sole e diventare cronica.

Prima di tutto bevi l'infuso di salvia ogni sera -Ti disintossica e ti rigenera - Questa pianta purifica la cute e la libera dalle scorie, ripristinando i sali persi con l'eccesso di sudore.

 

Questi Sono I Tuoi Alleati ...

Come Combattere Il Caldo Con La Salvia
Così Elimini Il Prurito

Per regolare la sudorazione e depurare la cute, riattivando anche il metabolismo cellulare, si possono utilizzare piante che, da una parte, regolano il tono neurovegetativo, dall'altra hanno un'azione rimineralizzante.

Una delle più utili è la salvia (Salvia officinalis) di cui si può utilizzare l'infuso.

Fai così:

In una tazza di acqua bollente lascia in infusione per 10 minuti un cucchiaio di foglie essiccate. Bevine una tazza al giorno, la sera.

In alternativa se ne possono assumere 15-20 gocce di tintura madre in mezzo bicchiere d'acqua 2 volte al giorno per un mese.

 

Come Combattere Il Caldo Con L'Arsenico
Per Pelle Secca E Irritata

Il rimedio omeopatico Arsenicum iodatum si presenta sotto forma di cristalli di colore arancione, una tinta che richiama il calore estivo. Ha un'azione sulle mucose in generale e sulla pelle, in particolare per prevenire o trattare gli inaridimenti cutanei, la secchezza, le desquamazioni lievi simili ad alcune forme di psoriasi o di micosi, che esordiscono e peggiorano soprattutto con le temperature molto elevate.

Come puoi fare:

Prendi 5 granuli alla 15 CH una volta alla settimana per tutta la stagione estiva.

 

Come Combattere Il Caldo Con Lo Zolfo
Così Eviti Debolezza E Infezioni

Per le forme con prurito intenso, cute secca e desquamazione, specialmente in soggetti ansiosi, si devono utilizzare manganese-cobalto alternato a zolfo (per esempio, manganese-cobalto nei giorni pari, zolfo nei giorni dispari).

Se invece c'è tendenza alle infezioni e i muscoli sono dolenti, è opportuno utilizzare manganese-ramezolfo, un flaconcino tutti i giorni o a giorni alterni a seconda della gravità.

Usa erbe, sali e granuli tutti insieme - Ti tonificano e rallentano l'invecchiamento - Se sei arrivata a luglio stanca e fiacca a livello fisico e psichico, usa salvia, arsenico e zolfo ogni giorno per tutto il mese. Così favorisci un profondo ricambio cellulare che si manifesta all'interno del tuo corpo con miglioramento della circolazione e tonificazione dei tessuti nervosi, e sulla pelle, che appare subito meno arrossata e più compatta.

 

Ecco Cosa Ottieni

Riduci la tendenza a sudare eccessivamente, prevenendo disidratazione e problemi cutanei correlati. Combatti eventuali arrossamenti ed eczemi che compaiono in estate e peggiorano per l'azione congiunta del sole e del caldo.

Infine, favorisci il riequilibrio generale dell'organismo, con benefici che si manifestano anche a livello muscolare con aumento della forza fisica e della resistenza allo sforzo.

 

Come Combattere Il Caldo
Con Gli Alimenti Protettivi
L'Afa Si Contrasta Anche A Tavola

Come Combattere Il Caldo

Quando la colonnina del mercurio s'impenna, i cibi più ricchi di acqua e le bevande idratanti ci aiutano a smaltire le tossine e a eliminare i radicali liberi che generano stanchezza, disturbi digestivi, gonfiori e cefalea. Obiettivi da centrare con la dieta liquida.

In estate la natura ci mette già a disposizione i cibi necessari per la prevenzione dei danni da caldo. Infatti, la frutta e la verdura di luglio sono sono le più ricche di acqua, sali minerali, vitamine e antiossidanti adatti a proteggere pelle, nervi, cervello e sistema circolatorio.

L'importante è saperli scegliere e combinare bene. Come ti spiego più avanti.

 

Come Combattere Il Caldo Con I Cibi Da Privilegiare
Succhi E Gelato Conservano La Carica Vitale

  • Acqua non gassata: in assoluto la migliore bevande per evitare la disidratazione. Ne occorrono almeno 2 litri al giorno, anche in assenza dello stimolo della sete.
  • Succhi e centrifugati, non dolcificati, prodotti con frutta e verdura nostrane, di stagione e biologiche.
  • Pasti leggeri e poco proteici, soprattutto nella seconda metà della giornata.
  • Alimenti digeribili, come la pasta e il riso, in quantità moderate, e i cereali integrali.
  • Gelato, meglio però se a base di latte vegetale (soia) e a fine pasto, per non alzare il livello di zuccheri nel sangue.

 

Come Combattere Il Caldo Eliminando Alcuni Alimenti
Salse E Bibite Gelate Affaticano Il Metabolismo

  • Cibi fritti, troppo conditi o elaborati: appesantiscono la digestione.
  • Condimenti di origine animale e sale: apportano scorie e favoriscono la ritenzione idrica.
  • Bevande ghiacciate o troppo fredde: provocano congestione e bloccano lo stomaco.
  • Bibite gassate e dolcificate e alcolici: aumentano la sensazione di calore e la sudorazione, contribuendo così ad aggravare la disidratazione.
  • Bevande che contengono caffeina come ad esempio caffè, tè nero, bevande a base di cola eccitano il sistema nervoso.

 

Il beverone cremoso idratante Banana, latte di soia, kiwi e lime: la merenda che risveglia l'energia - Se a metà mattina ti senti stanca, se hai la pressione bassa o dopo una giornata in spiaggia hai le pile scariche, frulla un bicchiere di latte di soia, mezza banana, un kiwi e la buccia grattugiata di un lime: fai scorta di potassio ed enzimi ricostituenti.

 

Come Combattere Il Caldo In Un Giorno
Seguendo La Dieta: In 24 Ore Ti Rimette A Nuovo

A colazione bevi il succo di limone: un tonico per la pelle e i muscoli. In più, previene caldo e disidratazione. 

Spremuta di limone: non fartela mai mancare per tutto luglio.

Ricca di vitamina C, rinforza le difese naturali della pelle contro i radicali liberi e l'aggressione dei raggi solari.

Bevila fresca ogni mattina a digiuno, prima di fare colazione. E se a causa del caldo l'intestino si impigrisce, sorseggia la spremuta calda la sera con un cucchiaino di miele: regola l'evacuazione.

 

Come spuntino e merenda, un bicchiere di succo d'uva bio. Così dai una mano al sistema nervoso.

A metà mattina e a metà pomeriggio, bevi un bicchiere di succo d'uva biologico (lo trovi nei negozi di cibi naturali) con una fetta di pane di segale o ai cinque cereali.

Antiossidante, il succo d'uva ti regala un pieno di energia per contrastare l'afa e combattere i cali nervosi. Con un vantaggio in più, infatti, la sua dolcezza riduce la voglia di dolci fuori pasto che, essendo ricchi di zuccheri, favoriscono sudore e pesantezza digestiva.

 

A pranzo, rinforza i capillari con l'insalata agrodolce allo yogurt. Energia a tutta leggerezza. E addio stipsi.

Insalata con yogurt e melone: mangiala a pranzo come piatto unico.

Per prepararla, mescola a della lattuga e a della rucola mezza fetta di melone a tocchetti, qualche pomodorino tagliato a metà, mezzo cetriolo affettato e condisci con un cucchiaino di olio extravergine d'oliva, mezzo vasetto di yogurt magro insaporito con un pizzico di curry.

Questa insalata, grazie alla sua ricchezza in vitamina A, ha un effetto rinfrescante e anti caldo e, in più, rivitalizza il circolo e i tessuti "spenti" da alte temperature, eccesso di sudorazione e stanchezza.

 

A cena rigenera il cervello con l'orzo. La zuppa che riarmonizza la pressione.

Tre-quattro volte alla settimana, lava e affetta una tazza di verdure fresche di stagione (carote, zucchine, piselli, fagiolini, cipolle, sedano) e prepara un minestrone. Aggiungi del riso o dell'orzo, fai intiepidire e gusta questa zuppa come piatto serale.

La sinergia di cereali e ortaggi rilassa il sistema nervoso e ti predispone a un buon sonno rigenerante.

Ricorda di non abbinare la zuppa con carne, pesce o latticini, che di sera sovraccaricano il fegato e possono provocare risvegli notturni. Se temi di avere ancora fame, meglio far precedere la minestra da un'insalata fresca.

 

Come Combattere Il Caldo
Con L'Idratazione Giusta
Reintegra Acqua, Sali Ed Energia
Con I Cocktail Vitaminici

Come Combattere Il Caldo

Calmanti, rinfrescanti e riequilibranti, i nostri beveroni aiutano a risvegliare la carica vitale. E funzionano da ricostituenti per tutto l'organismo.

In estate abbiamo a disposizione un'enorme varietà di frutta e verdura, è questo il periodo ideale per bere i succhi. Da una parte contrastano la disidratazione e dall'altra apportano principi nutritivi antiossidanti utili per prevenire i danni da radicali liberi.

Le proprietà disintossicanti dei succhi sono maggiori quando sono ottenuti a partire da frutta fresca di stagione (preferibilmente da coltivazione biologica) e vengono consumati subito dopo la loro preparazione.

Qui sotto ti do le ricette dei drink da bere ogni giorno per tutto luglio. Circolo, nervi, pelle e cervello ti ringrazieranno!

 

  • Un forziere di enzimi e sali da bere appena pronto - I succhi preparati in casa, per essere curativi, devono essere consumati appena fatti: solo così sono davvero ricostituenti.

 

Ecco Come Combattere Il Caldo
Con Il Programma Anti Fatica

Come combattere il caldo al mattino? Pesche e arancia danno energia e regolano la pressione.

La mattina, a colazione, bevi un frullato preparato con 2 banane, 2 pesche, mezzo melone e 100-150 ml di spremuta d'arancia (aggiunta a preparazione ultimata). Apporta la maggior parte delle vitamine e dei sali indispensabili per affrontare la calura delle ore centrali della giornata e per evitare i cali pressori.

 

Prezzemolo e succo di pomodoro, l'aperitivo anti radicali liberi.

Prima di pranzo, sorseggia un succo ottenuto centrifugando una manciata di prezzemolo, un limone e 5 pomodori. È un drink depurativo e disintossicante, ricco di principi nutritivi antiossidanti, indicato soprattutto per proteggere la pelle e la circolazione dai danni da radicali liberi dovuti al sole e al caldo.

 

Prugne e albicocche riequilibrano il sistema nervoso e l'intestino.

La sera, dopo cena, centrifuga 3 albicocche e 3 prugne e diluisci il tutto con del succo di mela trasparente. È un cocktail che aiuta a metabolizzare le tossine introdotte durante la giornata e a disintossicarsi dalle scorie mentre si riposa, mantenendo regolare l'intestino e potenziando le difese della pelle e del sistema immunitario.

 

Leggi Anche:

 Rimedi Naturali Contro Il Caldo Di Giugno

► Riso: Cereale Anticaldo

 

Pronto Soccorso Naturale Per I Problemi Estivi:

Ogni giorno troverai una nuova soluzione ai problemi più frequenti in estate. Scorri fra le varie problematiche elencate in ordine alfabetico.

► Pronto Soccorso Naturale Per Sapere Come Vincere  Il Caldo E I Problemi Estivi Con Un Click

 

A Dopo Con La Prossima Guida! 🙂