Impara Come Coltivare Il Peperoncino In Casa, Il Frutto “Infuocato” Che Rinforza E Depura …

Come Coltivare Il Peperoncino e soprattutto Perché? Questo fantastico dono della natura grazie al contenuto di principi antiossidanti e antinfiammatori, la bacca del Capsicum annuum agisce come un antibiotico naturale e “Accende” L’Energia Vitale …

Sotto il nome di peperoncino (Capsicum annuum) vi sono molte varietà che possono essere coltivate anche sul balcone e tutte sono di notevole interesse decorativo, culinario e medicinale.

L’origine di questa bellissima pianta è l’America Meridionale ed appartiene alla famiglia delle Solanaceae, come i peperoni, le patate e le melanzane.

Di questo frutto (che in realtà una bacca) sono note le virtù terapeutiche fin dai tempi antichissimi: pare che già nel 5500 a.C. gli indios messicani lo usassero come condimento digestivo, e Cristoforo Colombo lo fece conoscere in Europa al ritorno dal suo secondo viaggio nelle Americhe.

Sotto il profilo terapeutico al peperoncino si riconoscono proprietà disinfettanti, digestive e antibiotiche: ha anche virtù antiossidanti.

Oltre che in terra piena, può essere comodamente coltivato in vaso per averlo sempre a portata di mano in cucina.

Ne basta un pezzettino, fresco o essiccato, aggiunto alle pietanze per facilitarne la digestione.

 

[bullet_block large_icon=”66.png” width=”” alignment=”center”]

  • Meno Fiori=Frutti più grandi – Per ottenere frutti più corposi, basta eliminare qualche fiore durante la fase di crescita della pianta, in tarda primavera.

[/bullet_block]

 

Meglio Procurarsi Le Piantine Già Cresciute
Vanno Trapiantate Appena Inizia Il Caldo

Il peperoncino può essere ottenuto anche dai semi, ma è un’operazione che non sempre ha buon esito.

È preferibile procurarsi in vivaio le piantine già cresciute, che vanno messe a dimora fra aprile e maggio in contenitori di almeno 25-30 cm di diametro.

Predilige una esposizione soleggiata e le irrigazioni devono essere regolari, senza aspettare che il terriccio si asciughi.

Per la raccolta, tutto dipende dal periodo del trapianto e mediamente devono passare 4-5 mesi.

I frutti dei peperoncini da condimento devono maturare sulla pianta prima della raccolta, meglio se quasi secca: poi la si estirpa e si appende a testa in giù in luogo asciutto, conservandosi così fino al prossimo raccolto.

 

Imparare Come Coltivare Il Peperoncino
È Utile Alla Mente …
Ti Aiuta A Bruciare Anche Le Tossine Mentali

In virtù del suo bel colore rosso e del suo sapore decisamente piccante, il peperoncino evoca il fuoco e la capacità depurativa del calore.

Di fatto, sappiamo che il peperoncino contribuisce a neutralizzare germi e batteri intestinali non a caso la sua bacca matura nel pieno dell’estate, proprio quando a causa del caldo è più frequente soffrire di disturbi addominali e di cattiva digestione.

Coltivare un peperoncino conferma questa volontà di depurazione e la tendenza a voler “bruciare” il sovrappiù, arricchendo la propria dieta di sapori forti e disintossicanti.

Il colore scarlatto del frutto, inoltre, ha un effetto cromoterapico altamente stimolante.

 

Leggi Anche:

► Come Preparare Gustosissimi Succhi E Frullati Detox

► Stanchezza Fisica E Mentale A Primavera? Ecco La Soluzione …

► Come Smettere Di Fumare In Un Mese

 

A Domani Con La Prossima Guida! 🙂