Calo del Desiderio

Calo del Desiderio

Calo del Desiderio? Rivitalizza Ormoni e Tessuti Cerebrali.

Calo del Desiderio, in piena primavera, sembra una frase fuori posto, invece, può accadere proprio in questo periodo, ecco perché …

Fantastico il mese di aprile durante il quale assaporiamo la dolce primavera ma purtroppo è anche il mese in cui si risente maggiormente del cambio di stagione e dell’adeguamento climatico, che si riverbera sul corpo e sulla mente con un malessere strisciante, che toglie energia e voglia di fare.

Gli effetti più grandi si notano però sul piano della Sessualità …

Mentre la Natura è nel pieno del suo rigoglio, i fiori sono carichi di polline, lo “sperma” della pianta, e nel mondo animale si moltiplicano le fecondazioni e i parti, spesso dentro di noi il fuoco della libido si affievolisce e si acuiscono i disturbi genitali e ormonali.

È un po’ come sé, nel pieno della fioritura cosmica, il nostro corpo non volesse mettersi in gioco, rinunciando a quella carica creativa di cui proprio l’eros è una delle massime espressioni.

Gli organi genitali
Se l’eros si spegne sei meno vitale

Il Calo del Desiderio talora si manifesta come un disinteresse generale della persona per la sessualità. In altri casi si percepisce una difficoltà solo nell’iniziare ad avere un rapporto.

A volte a mancare non è la parte fisica ma il coinvolgimento. La persona vive il sesso ma è come sganciata dal punto di vista emotivo.

Ci sono poi casi in cui il calo si manifesta con la difficoltà a raggiungere il piacere o con problemi di erezione. Si tratta di solito di situazioni transitorie che però ci stanno dicendo che il nostro corpo è in difficoltà.

Attenzione! Quando si presenta problema del Calo del Desiderio non bisogna mai drammatizzare. Siamo esseri umani e non macchine e trasformare immediatamente un problemino momentaneo in “Problema di Coppia” può essere solo deleterio.

Adesso starai pensando: sicuramente Massimiliano avrà qualche rimedio magico da propormi …

… Beh la Natura è magica questo è vero ma devi essere tu a “centrarti” con essa …

 

Ecco i Rimedi:

Prova la Dioscorea villosa

L’Estratto delle radici in capsule o crema cura il calo del desiderio, le turbe della menopausa e la sindrome premestruale.

La Dioscorea è una liana di grandi dimensioni che cresce in Canada e in Messico. Appartiene alla famiglia delle Dioscoreacee e se ne conoscono più di 600 specie. La Dioscorea villosa (nota anche come Igname) la più utilizzata come rimedio naturale. I rizomi, la parte della pianta utilizzata in medicina naturale insieme alle radici, contengono saponine steroliche, fitosteroli, alcaloidi, tannini e la diosgenina, che è impiegata dalla moderna fitoterapia come fitormone, utile in menopausa, ma anche contro leggeri stati d’ansia e agitazione che portano a cali della libido.

La stessa azione riequilibrante è garantita in caso di sindrome premestruale. La Dioscorea villosa, assunta a partire da una settimana o dieci giorni prima del ciclo mestruale, allevia gli stati d’ansia e il gonfiore tipici della fase “pre ciclo”, agendo come antinfiammatorio e diuretico.

Studi scientifici hanno mostrato anche un buon potere spasmolitico di questa pianta, utile contro crampi uterini e ovarici.

Per le donne e gli uomini
Attenua i malesseri tipici di climaterio e andropausa

La menopausa è il periodo in cui la vita sessuale si modifica e, a volte, partendo dal Calo del Desiderio subisce battute d’arresto.

La Dioscorea villosa, attraverso l’azione dei suoi Fitoestrogeni, riequilibra i livelli ormonali e combatte anche le vampate.

Sul fronte maschile, anche l’andropausa può provocare variazioni con Calo del Desiderio e della “prestanza” sessuale: per questo la Dioscorea villosa si dimostra un valido aiuto sia per lei sia per lui.

Ti aggiungo, parlando dei vari disturbi che s’intensificano con la mezza età, che questa magnifica pianta riesce ad abbassare i livelli di colesterolo ematico e a contrastare diverticolite, infiammazioni della cistifellea e colon irritabile.

In pomata, cura la secchezza vaginale tipica della menopausa.

Quando il desiderio è fievole, ti suggerisco di rivolgerti alla Maca davvero unica nei casi di Calo del Desiderio, saprà ricaricarti …

La Maca è una crocifera peruviana che cresce rigogliosa sugli aspri versanti delle Ande. Nota come “Ginseng Peruviano”, la Maca è usata da sempre come antistress e antifatica dai montanari andini perché la sua ricchezza di ferro e vitamina B12 la rende preziosa alle alte quote, dove il sangue è costretto ad aumentare la produzione di emoglobina.

Inoltre previene la caduta dei capelli, le rughe e l’osteoporosi, e – soprattutto contiene alcaloidi che, agendo su ipofisi e ipotalamo, contrastano gli squilibri ormonali da cui originano il Calo del Desiderio, le disfunzioni sessuali e l’infertilità maschile e femminile.

Con una dose al giorno ritorna l’energia …

In commercio la Maca si trova in fiocchi e opercoli, contenenti la radice essiccata e macinata.

 

Come puoi fare:

Prendine uno al giorno per tutto il mese per risolvere il calo energetico primaverile e il Calo del Desiderio.

Quando è il momento di recarsi dal medico

Riepilogando un po’ … l’arrivo della primavera spesso mette a dura prova il sistema ormonale, l’apparato genitale e soprattutto le energie sessuali, che l’organismo sta cercando di risparmiare per affrontare il cambio climatico.

Il calo della libido, così frequente ad aprile, può dunque essere letto come la tendenza del corpo a “ritrarsi”, a chiudersi in se stesso, perché la nuova stagione impone all’organismo un già notevole dispendio energetico.

Attenzione! Se le disfunzioni sul piano sessuale si protraggono per un tempo eccessivamente lungo, il problema non può essere liquidato come Calo del Desiderio o “disturbo” transitorio di stagione e va affrontato con una terapia specifica. Questo è il momento in cui devi recarti dal medico.

A domani con il prossimo post! 🙂