Afte: Ecco La Soluzione Definitiva

Afte

Le Afte: Fastidiosissime Ulcere Del Cavo Orale Da Oggi Non Sono Più Un Problema! Leggi E Scoprirai Il Perché …

Cosa sono le Afte? All’interno della cavità orale e sulle labbra si possono sviluppare piccole lesioni dolorose, come le ulcere.

Le afte sono rappresentate da una lacerazione della membrana mucosa che riveste la cavità orale. La forma più comune è la stomatite aftosa.

Sono caratterizzate da dolore intenso.

 

Le Cause

Le ulcere della cavità orale, denominate anche afte. Le più comuni sono rappresentate dai processi infiammatori a carico delle gengive e della mucosa orale.

La causa più frequente è una carenza di vitamina B.

Il continuo sfregamento delle protesi e/o degli apparecchi dentari durante la masticazione può provocare abrasioni sulla mucosa della lingua, delle labbra e delle guance, che possono evolvere in ulcere.

Altri fattori scatenanti, di cui non è ancora stato individuato il meccanismo d’azione, sono rappresentati dallo stress, dall’attività fisica intensa e prolungata, dalle allergie, dall’abbassamento delle difese immunitarie, dalle infezioni e dal tabacco.

Nonostante le infezioni rappresentino un fattore di rischio, le ulcere della cavità orale non sono contagiose.

Nei pazienti affetti da neoplasie le ulcere possono manifestarsi come un effetto collaterale della chemioterapia e/o della radioterapia.

Sebbene nella maggior parte dei casi le afte siano lesioni benigne, la leucoplachia (malattia caratterizzata dallo sviluppo sulla mucosa delle guance, delle gengive e della lingua di chiazze bianche ispessite che alcune volte tendono a fessurarsi) può evolvere in una neoplasia maligna.

 

La Prevenzione

Afte

Una corretta igiene contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare ulcere della cavità orale.

Dopo ogni pasto utilizza il filo interdentale e spazzola accuratamente i denti.

Una volta all’anno effettua una visita specialistica di controllo per esaminare lo stato di salute di tuoi denti, delle gengive, della lingua e delle mucose delle guance e del palato.

Non fumare ed evita di consumare chewing gum a base di nicotina. Anche se per quanto riguarda il fumo il discorso è un po’ controverso, subito dopo riagganceremo il “fattore fumo” in particolare, così avrai finalmente le idee chiare, continua a leggere …

Limita lo stress e cerca di riposare bene durante la notte.

Cerca di tenere sotto controllo lo stress, che rappresenta un fattore scatenante per lo sviluppo delle ulcere orali utilizzando tecniche di rilassamento come la meditazione e lo yoga.

 

Fattore Fumo: Ecco Il Paradosso!

Afte

La verità è che le afte sono rare nelle persone che fumano e ovviamente esiste anche una correlazione tra le abitudini e la gravità della condizione. Adesso ti spiego il perché …

Se fumi, paradossalmente, ottieni una sorta di rinforzo della mucosa, dovuta all’aumento della cheratinizzazione della mucosa orale. Questa maggiore cheratinizzazione può rinforzare meccanicamente la mucosa e ridurre quindi la formazione delle ulcere.

In forme estreme, la cheratinizzazione eccessiva può manifestarsi come leucoplachia o stomatite da nicotina (cheratosi del fumatore). Attenzione perché oltre il problemino momentaneo delle afte, qui si parla di lesioni precancerose che possono sfociare in lesioni maligne.

Altro paradosso è quello che smettere di fumare può causare l’insorgenza della stomatite aftosa in persone che prima non l’avevano avuta. Per chi invece aveva già fatto esperienza della dermatite aftosa smettendo di fumare potrebbe subire un peggioramento.

Nonostante i paradossi, ti suggerisco di evitare l’idea di iniziare o ricominciare a fumare per diminuire l’insorgenza e gli effetti delle afte.

 

Ti È Piaciuta Questa Guida Fino A Qui? Allora Condividila Subito Con I Tuoi Amici. Grazie!

 

La Diagnosi

Afte

Viene solitamente effettuata dal dentista, oppure dal dermatologo, attraverso la valutazione dei sintomi e del quadro clinico.

Nei casi in cui il medico sospetta una leucoplachia, può eseguire una biopsia della mucosa interessata e richiedere un esame istologico del tessuto per escludere un'eventuale lesione precancerosa.

 

La Terapia

Nelle afte il primo approccio consiste nell'alleviare il dolore, mentre nei casi di leucoplachia il trattamento principale è rappresentato da una diagnosi differenziale accurata per escludere con certezza un'eventuale neoplasia.

 

Ulcere Del Cavo Orale
Terapia Medica

Per alleviare il dolore e facilitare la masticazione può essere applicato un anestetico locale, a base di lidocaina al 2%, sotto forma di sciacqui da effettuarsi tre volte al giorno prima dei pasti principali.

Per impedire l'irritazione delle ulcere da parte dei denti o delle protesi e facilitare il processo di guarigione, può essere utilizzata una pasta protettiva  per le mucose del cavo orale, contenente carbossimetilcellulosa.

Nei casi in cui il dolore è particolarmente intenso si può ricorrere alla cauterizzazione fisica attraverso applicazioni di energia a bassa potenza (2-3 watt) prodotte da un laser a CO2 pulsato.

Nei pazienti che presentano un quadro clinico piuttosto grave può essere utile la somministrazione di corticosteroidi, per via locale e sistemica.

 

Integratori

Afte

Uno studio clinico effettuato su un gruppo di pazienti affetti da leucoplachia ha evidenziato che coloro ai quali era stato prescritto un supplemento di licopene (un antiossidante presente in alcuni tipi di frutta e verdura, come l'anguria e i pomodori, ai quali conferisce il tipico colore rosso) presentavano un miglioramento del quadro clinico rispetto al gruppo di controllo, a cui era stato somministrato un placebo.

Assumi durante il giorno compresse di vitamine del gruppo B, C e di zinco, e fermenti lattici la mattina a digiuno, secondo le dosi riportate sulla confezione.

 

Probiotici

Afte

Il Lactobacillus, un benefico batterio presente nello yogurt (oppure come integratore sotto forma di capsule), sembra che contribuisca ad accelerare il processo di guarigione delle ulcere della cavità orale.

 

  • Consulta il medico curante, o il dermatologo, quando le afte,  persistono per più di due settimane. In questo caso è importante una diagnosi differenziale per escludere eventuali sovrapposizioni batteriche, oppure una neoplasia del cavo orale.

 

I Rimedi Naturali

 

Fitoterapia

Afte

Fai sciacqui più volte al giorno, con 10 gocce di estratto di pompelmo in un bicchiere di acqua, o tampona la parte con 2 gocce di estratto diluite in un bicchiere d'acqua.

Tieni in bocca petali di rosa o foglie di menta freschi per ridurre l'infiammazione locale.

 

Gli Oli Essenziali: Magici Sciacqui In Soli 3 Passi

  • Prepara i seguenti oli diluiti in un cucchiaio di brandy

  • Aggiungi un cucchiaino da tè della miscela ottenuta a un bicchiere di acqua calda

  • Sciacqua la bocca senza ingerire

 

Ecco gli oli e le quantità per la miscela:

  • menta piperita: 2 gocce
  • limone: 4 gocce
  • geranio: 2 gocce
  • timo: 2 gocce

 

Miscela Curativa Elimina Afte
Con La Fantastica Aloe

Miscela i seguenti oli in un cucchiaio da tavola di aloe vera in gel o liquida e utilizzane un po' da spalmare intorno all'area ulcerata:

  • camomilla: 2 gocce
  • timo: 1 goccia

 

Ecco La Potente Cura Dell'Argilla
Contro Le Afte

Afte

Prepara l'argilla verde ventilata per uso orale sciolta in un bicchiere di acqua tiepida ed esegui degli sciacqui alla bocca, mattino e sera prima di andare a letto.

Se l'afta si trova sulle gengive o sulle labbra oltre allo sciacquo, la sera prima di andare a letto, si può porre sull'afta stessa dell'argilla ventilata per uso orale preventivamente impastata con acqua e olio di oliva extravergine.

Continua fino a guarigione.

Per tutta la durata del trattamento, al mattino a digiuno sciogli un cucchiaino da caffè raso di argilla verde ventilata per uso orale in un bicchiere di acqua minerale non gasata, mescola bene in senso orario, lascia riposare 5 minuti, quindi bevi il sopranatante o acqua argillosa.

In alternativa si possono assumere 2 capsule di argilla verde ventilata 1 volta al dì, al mattino a digiuno.

 

Stile Di Vita, Luce Solare, Echinacea E Propoli
Ecco Quello Che Devi Assolutamente Fare
"Soprattutto Se Il Problema Persiste"

Afte

 

  • Alimentazione

Adesso è il momento di equilibrare l'alimentazione e di scegliere solo nutrienti sani.

Mangia almeno per un periodo solo frutta, verdura e legumi.

Ti suggerisco in modo particolare i germogli.

Riduci, comunque, al minimo il consumo di carne, latticini e alcool.

 

  • Movimento

Pratica movimento tutti i giorni all'aria aperta. È utile anche solo passeggiare.

 

  • Il Potere Della Luce ... È Gratis!

Ci dimentichiamo proprio del dono più grande che abbiamo ricevuto, il dono immenso della Luce.

La luce solare è indispensabile e curativa. Bisognerebbe stare alla luce naturale tutti i giorni, anche con il cielo coperto e anche in inverno, senza occhiali e cercando di stare scoperti il più possibile. Sarebbe fantastico esporsi almeno 3 ore al giorno, anche non consecutive, alla luce del sole, senza filtri e ripeto, senza occhiali. Quindi niente trucco e nessuna crema ...

Sarebbe ottimo fare una passeggiatina la mattina al sorgere del sole e una la sera appena prima del tramonto (io la chiamo "accompagnare il tramonto").

In casa ti suggerisco di sostituire le lampade tradizionali con quelle a largo spettro, almeno e soprattutto nelle stanze in cui passi più tempo.

 

  • Meditazione E Rilassamento

Utilissime le tecniche di meditazione e rilassamento.

 

  • Difese Immunitare: Echinacea angustifolia per modularle e Purpurea per potenziarle

Assumi 30-40 gocce di estratto fluido di Echinacea angustifolia 2-3 volte al dì per 7 settimane.

Fai una pausa di almeno 20 giorni e poi assumi 1-2 compresse da 300-400 mg di estratto secco di Echinacea purpurea, 2-3 volte al dì per altre 7 settimane.

 

  • Propoli: Fantastico Antisettico, Protettivo E Cicatrizzante In Un Colpo Solo

Sciogli in bocca una compressa di propoli pura, quattro volte al giorno fino alla scomparsa delle afte.

Poi ti suggerisco di utilizzare le stesse compresse anche quando il problema non è manifesto, ma, solo sporadicamente ... Prima una compressa da sciogliere in bocca una volta al giorno e poi anche ogni 3-4 giorni o quando ne senti il bisogno.

 

Leggi anche:

Arriva un’estate carica di Sorrisi Splen … Denti! 

 

A Dopo Con La Prossima Guida! 🙂